Blog

La nuova sfida di Nexidia si chiama IOTO

Nexidia ha partecipato e vinto il bando POR per il sostegno a progetti di Ricerca&Sviluppo per la realizzazione di nuove tecnologie presentando IOTO, un prototipo per l’aggregazione e l’elaborazione dati e strumenti complessi.

Il POR, Programma Operativo Regionale, è lo strumento attraverso cui la Regione del Veneto intende sviluppare fino al 2020 un piano di crescita sociale ed economica che interessi la ricerca e l’innovazione, l’agenda digitale, le politiche industriali, energetiche e di tutela ambientale ed è attraverso il FESR, Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, che vengono finanziati diversi progetti.

Nexidia ha concorso alla presentazione del progetto all’interno di un’ATI, associazione temporanea di imprese, che coinvolge BeDigital srl, azienda di consulenza informatica, Negroponte Lab sas, spin off di Dataveneta Computers, che si occupa di ricerca, sviluppo e impatto ambientale nel settore ICT e infine Sia-net srl, software house orientata allo sviluppo di web e mobile application personalizzate.

La proposta consiste nell’implementazione di un software che diventi l’interfaccia tra piattaforme diverse e quindi il mezzo con cui database e dispositivi di feedback possono comunicare ed interagire. In questo modo, i dati provenienti da diverse piattaforme andranno a formare un unico sistema, un Sistema Esperto, che permette decisioni automatiche guidate da logiche di efficienza trasversali come la qualità totale, il risparmio energetico e la best decision, sia in ambito produttivo che logistico.

L’obiettivo iniziale è quello di ottenere un prototipo funzionante e applicabile in tre specifici ambiti che sono quello manifatturiero, agroalimentare e biomedicale e infine quello dei servizi. Questo prototipo sarà il modello di partenza per espandere il funzionamento del progetto anche ad altri settori.

Il framework prototipale servirà anche per comprendere le problematiche che si possono incontrare lungo la fase di sviluppo e dovrà essere compatibile con i più diffusi sistemi gestionali e relativi database. Il nuovo software sarà quindi l’anello di congiunzione tra le basi di dati e i più svariati sensori ad output standard e non.

Attualmente esistono degli strumenti con gli stessi obiettivi negli ambienti gestionali di diversi brand ma appartengono tutti alla rispettiva casa madre, vengono sviluppati su misura e sono generalmente molto costosi. IOTO sarà un software standardizzato e con la possibilità di essere applicato e plasmato secondo le realtà più diverse.

L’abbassamento del costo dovuto alla standardizzazione indubbiamente facilita l’accesso al software alle piccole e piccolissime imprese di cui è ricco il tessuto economico veneto.

Nexidia ha messo in campo la propria esperienza ed è pronta a supportare la campagna di comunicazione, oltre alle attività di informazione e marketing, per divulgare le notizie sui progressi e sull’impatto innovativo del sistema.